Pokémon – Scelgo te!

LA TRAMA:

Pokémon – Scelgo te! è il film che racconta il primo incontro tra Ash e Pikachu e le loro avventure alla ricerca del Leggendario Pokémon Ho-Oh. Lungo la strada, la coppia incontra volti familiari, nuovi personaggi, tra cui Amina e Sami, e anche un misterioso nuovo Pokémon, Marshadow. Non mancano in questa nuova storia sull’inizio di una delle più amate amicizie di sempre, le sfide e le battaglie epiche dei Pokémon.

IL TRAILER:

LA MIA OPINIONE/RECENSIONE:

Nato come videogame nel 1996 e arrivato sul piccolo schermo già nel 1997, Pokémon ha dato vita a centinaia di “mostri tascabili” (questo il significato del titolo).

Si tratta di un’opera dove il messaggio centrale è il valore dell’amicizia e dell’amore per i propri “animali domestici“, anche se quelli della serie animata sono un po’ più particolari di quelli che abitano nelle nostre case.

Di cosa parla Pokémon – Scelgo te! ? (estratto della recensione di SpazioGames.it)

A grandi linee si segue la trama originale con la differenza dei comprimari.

A fare da contraltare ad Ash ci sono Amina e Sami, due ragazzi conosciuti per caso.

La mancanza di Brock e Misty riporta tutto sulla strada dei giochi originali, in cui il protagonista sfidava le palestre di Kanto ma rimaneva sostanzialmente da solo.

Gli altri due protagonisti non vengono approfonditi più di tanto, ma lasciati sullo sfondo.

Servono a spiegare qualche situazione, qualche evento ma se non ci fossero il film andrebbe avanti lo stesso.

Il vero villain del film è Cross, uno strano incrocio tra la spacconaggine di Gary e la cattiveria di Argento, villain principale in Silver e Gold.

Cross è il pretesto per introdurre Charmander e il suo incontro con Ash.

Lo stesso vale per il Team Rocket, inserito giusto per dare una nota di colore ma che, in realtà, non arriva mai a incrociarsi con Ash e serve solo a fare qualche gag o battuta qua e là.

Come si potrebbe definire questo film?

Pokémon – Scelgo te! è, probabilmente, nato dall’idea di creare un film esclusivamente per bambini, che non avendo mai assistito al primo incontro tra Ash e Pikachu, non avevano idea di quanto profonda fosse l’amicizia dei due pilastri del mondo Pokémon e da dove ebbero inizio le loro avventure.

Fino a qui tutto normale per una pellicola di animazione come lo è questa.

Ma Pokémon – Scelgo te! è anche altro, molto altro. E’ un film che per via della sua storia interessa molto di più il pubblico dei giovani adulti, della generazione che è cresciuta a pane e Pokémon.

E io sono proprio uno di quei ragazzi, ormai cresciuti, che sono diventati ciò che sono anche grazie a questo magico mondo dei Pokémon.

Insomma Pokémon – Scelgo te! è una vera e propria “operazione nostalgia“, che riesce nel suo intento di far ricordare, magari è un operazione sbrigativa in molte parti e sprezzante nei suoi cambiamenti, anche quando questi sono quasi dolorosi per il suo pubblico (vedi i compari di Ash per fare un esempio).

Scena del film Pokémon – Scelgo te! (2017) in cui Ash cerca di convincere Pikachu ad entrare nella Pokeball.

Cosa si intende con il concetto di “operazione nostalgia”:

Pokèmon – Scelgo te! non colpisce immediatamente, ma nei giorni che seguono, quando lo spettatore inevitabilmente inizia a ricordare quei tempi così lontani, ma ancora freschi nella memoria.

Quei tempi quando ancora si andava alle elementari e si aspettava la ricreazione per uscire, sedersi sui gradini dell’ingresso, in cerchio con gli amici a parlare delle puntata dei Pokémon del giorno prima.

Ad immaginare insieme di essere in quel mondo e poi stringersi per guardare assieme l’unico bambino del gruppo con un Game Boy Color che giocava a Pokémon Giallo. Invidiandolo ed ammirandolo.

Quei tempi quando si tornava a casa di corsa per vedere una puntata e se si aveva un’impegno si cercava in ogni maniera di registrarlo, anche a costo di registrare sopra una videocassetta già usata per altro dai propri genitori.

E quando finalmente riuscivi a vederla magari urlavi di gioia per l’evoluzione di Charmander, per la vittoria di Ash in una nuova palestra oppure piangevi a dirotto per la separazione del protagonista dal suo amato Butterfree dopo tante avventure passate assieme.

Quei momenti passati al buio della notte incollati allo schermo dei Game Boy e con una luce per illuminare lo schermo a giocare al gioco che tutti amavano, senza però fiatare perché se i tuoi genitori ti beccavano ancora in piedi ti sequestravano tutto e prendevi anche un due schiaffi.

Quei momenti in cui ci si scambiavano le carte dei Pokémon con la speranza di averle tutte e si finiva con averne talmente tante che i genitori ti compravano un baule per contenerle tutte.

Tirando le somme sul film:

Insomma Pokémon – Scelgo te! non è perfetto, nemmeno per sogno, è poco approfondito e agli spettatori risulta sbrigativo, ma è in grado in quei 108 minuti di farti rivivere quei ricordi a cui magari era da tanto a cui non pensavi.

Permette di reimmergersi nella giovinezza, in quei momenti passati coi tuoi amici del cuore a giocare spensierati e a vivere ogni attimo assieme in un mondo pieno di colori e divertimenti.

Senza l’ansia di pagare il mutuo o le bollette, senza il peso di andare al lavoro e senza nessuna preoccupazione che non fosse ridere e giocare con i tuoi amici di infanzia.

Pokémon – Scelgo te! è un film consigliato alla visione dei più piccini e dei ragazzi cresciuti coi Pokémon che assolutamente devono guardarlo coi loro amici di infanzia con cui hanno condiviso quei momenti.

Buona visione.

Immagine rappresentativa della trama di Pokémon – Scelgo te! con i suoi protagonisti.

LA CURIOSITÀ:

All’inizio del film Ash guarda una lotta in tv, proprio come nel primo episodio, ma stavolta i due allenatori a combattere sono Neesha e Corey, che sono rispettivamente due cameo dal primo film “Mewtwo VS Mew“: ricordate gli allenatori eletti che avevano ricevuto l’invito di Mewtwo? Sono proprio due di loro! Neesha è l’allenatrice con Dwegong e Blastoise (Shellshocker), mentre Corey è l’allenatore con Pidgeot e Venusaur (Bruteroot);

LA FRASE:

Pikachu scelgo te!

I DOPPIATORI ORIGINALI e IL REGISTA:

  • Kunihiko Yuyama: Regia
  • Rica Matsumoto: Ash Ketchum
  • Ikue Otani: Pikachu
  • Shiori Sato: Amina
  • Kanata Hongo: Sami
  • Shinichiro Miki: James
  • Megumi Hayashibara: Jessie
  • Inuko Inuyama: Meowth
  • Unshou Ishizuka: Professor Oak, Narratore
  • Kyouko Hikami: Erika
  • Shoko Nakagawa: Infermiera Joy
  • Arata Furuta: Bonji
  • Ryota Osaka: Cross

I DOPPIATORI ITALIANI:

  • Davide Garbolino: Ash Ketchum
  • Ikue Otani: Pikachu
  • Serena Clerici: Anima
  • Stefano Pozzi: Sami
  • Simone D’Andrea: James
  • Emanuela Pacotto: Jessie
  • Pietro Ubaldi: Meowth
  • Riccardo Rovatti: Professor Oak
  • Federico Danti: Narratore
Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *