Assassinio sull’Orient Express

LA TRAMA:

Assassinio sull’Orient Express – Dai finestrini delle carrozze del Simplon Orient Express non si vede altro che neve, un’immensa distesa bianca che inonda i binari e arresta la corsa del treno diretto a Calais. Gli illustri passeggeri a bordo del convoglio, riuniti nel lussuoso vagone ristorante, apprendono che un atroce omicidio si è consumato durante la notte. Tra i presenti si fa largo il sospetto che l’assassino, bloccato dalla neve, non abbia mai lasciato il treno e si nasconda ancora tra i viaggiatori dell’Orient Express. A orchestrare gli interrogatori interviene il miglior detective sulla piazza, per caso a bordo dello stesso treno, il carismatico Hercule Poirot.

IL TRAILER:

LA MIA OPINIONE/RECENSIONE:

In questo nuovo adattamento Branagh non si accontenta di dirigere, ma ha voluto indossare anche i baffoni di Poirot, con la stessa pulsione narcisistica con cui ha affrontato in passato ruoli come quelli di Amleto.

Sembra evidente fin da subito la paura del regista britannico di rinchiudersi in una situazione definibile ‘troppo teatrale’, tanto che non manca occasione per ‘perdere tempo‘, prima durante e dopo, per uscire dal treno, con tanto di scenari innevati e tramonti arancioni dopati al computer.

Dove l’unica recriminazione sulle scene sono i mancati respiri di vapore caratteristici di una persona in un ambiente freddo.

Niente di grave, ma è un dettaglio mancante che impoverisce l’impatto visivo delle scene all’aperto.

Si vede fin troppo il panorama fuori dal finestrino, e paradossalmente perde per strada in questo modo l’ingrediente più saporito della storia: il senso di claustrofobia.

Ammiriamo pure piani sequenza e movimenti di macchina da fuori a dentro, e viceversa, ma avremmo voluto meglio raccontato il passare monotono delle ore, e soprattutto il ritrovamento di primo mattino del cadavere di uno dei passeggeri, che dà il via all’indagine.

I personaggi secondari purtroppo rimangono sempre sullo sfondo, poco valorizzati anche in alcuni flashback francamente non degni del valore registico di Branagh.

Il finale è una vera chicca cinematografica con quella messa in scena sullo stile dell’ultima cena con gli indiziati tutti seduti e la superba interpretazione di Branagh nell’esposizione dei fatti.

La storia ovviamente è sempre affascinante e viene pienamente valorizzata in questa nuova versione di Assassionio sull’Orient Express.

Tutto ben realizzato in Assassionio sull’Orient Express?

Ci sono solo un paio di errori scenografici che incriminano una scenografia altrimenti estremamente curata.

Come ad esempio il copri baffi di Poirot che è presente solo nella prima scena del risveglio e poi non viene più usato dal nostro protagonista nell’intera durata di Assassinio sull’Orient Express.

Insomma per un personaggio come il nostro protagonista, così meticoloso e preciso non ci si può dimenticare dei copri baffi.

Per il resto gli errori sono di poco conto e non incidono minimamente nella trama di Assassinio sull’Orient Express.

Un pensiero personale:

A mio parere si poteva sfruttare meglio il cast a disposizione invertendo alcuni attori in determinati ruoli.

Ad esempio si poteva invertire Johnny Depp con Willem Dafoe, dato che il primo è molto più bravo del secondo a interpretare personaggi che hanno vissuto parecchie vite e si nascondono dietro a finte maschere di personaggi inventati, per celare la proprio identità.

Mentre Willem Dafoe ha un viso molto più adatto per interpretare un personaggio quale un gangster omicida rispetto a Johnny Depp.

Tirando ore le somme su Assassinio sull’Orient Express:

Questo è un film consigliato a tutti, in quanto è una vera opera d’arte, sia il romanzo da cui nasce questa pellicola, sia il modo con cui viene portato su schermo in maniera egregia da un ottimo cast guidato da un ottimo Branagh.

Buona visione.

Kenneth Branagh interpreta l’investigatore Hercule Poirot nel film Assassinio sull’Orient Express (2017).

LA CURIOSITÀ:

Il cast del film include due vincitori del premio Oscar (Judi Dench e Penélope Cruz) e quattro candidati all’Oscar (Kenneth Branagh, Willem Dafoe, Michelle Pfeiffer e Johnny Depp).

LA FRASE:

Ha il suo fascino un groviglio di estranei, costretti insieme per giorni con nulla in comune, a parte il bisogno di recarsi da un luogo ad un altro, che non si rivedranno mai più.

IL CAST e IL REGISTA:

  • Michael Green: Regia
  • Kenneth Branagh: Hercule Poirot
  • Penélope Cruz: Pilar Estravados
  • Willem Dafoe: Gerhard Hardman
  • Judi Dench: Natalia Dragomiroff
  • Johnny Depp: Samuel Edward Ratchett
  • Josh Gad: Hector MacQueen
  • Derek Jacobi: Edward Henry Masterman
  • Leslie Odom Jr.: Dr. Arbuthnot
  • Michelle Pfeiffer: Caroline Hubbard
  • Daisy Ridley: Mary Debenham
  • Lucy Boynton: Elena Andrenyi
  • Sergei Polunin: Rudolph Andrenyi

I DOPPIATORI ITALIANI:

  • Marco Mete: Hercule Poirot
  • Chiara Colizzi: Pilar Estravados
  • Mario Cordova: Gerhard Hardman
  • Sonia Scotti: Natalia Dragomiroff
  • Fabio Boccanera: Samuel Edward Ratchett
  • Fabrizio Vidale: Hector MacQueen
Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...

Una risposta a “Assassinio sull’Orient Express”

  1. Aggiungerei altri errori , forse marginali ma non per uno (cioè, me) che ha letto il romanzo e ha visto il film del 1974 (decisamente molto, ma molto ben fatto):
    – Poirot e Mary Debenham sono seduti su due sgabelli, in un vagone merci vuoto, vicini alle porte aperte del vagone noncuranti del freddo polare
    – una scena inizia con due passeggeri del treno che stanno finendo di fumare una sigaretta vicino ad una casupola in una piccola stazioncina; poi la camera si sposta verso sinistra e si vede il treno che (sembra) stia arrivando alla stazioncina; viene da chiedersi se i due passeggeri siano scesi buttandosi dal finestrino
    – il colonnello Arbuthnot è diventato ”dottore” e nero, mentre nel romanzo è, appunto, un colonnello e di nazionalità scozzese (nella versione del 1974, non per niente, era interpretato da Sean Connery)

    No votes yet.
    Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *