Fottute!

LA TRAMA:

Fottute!Emily viene lasciata dal fidanzato e perde il lavoro: la sua vacanza in Ecuador diviene una missione per rigenerarsi, ma il secondo biglietto è non rimborsabile e non vuole venire nessuno. Emily invita la madre, che, dopo qualche titubanza, accetta. In Ecuador le avventure non mancheranno.

IL TRAILER:

LA MIA OPINIONE/RECENSIONE:

Il senso di Fottute! sta paradossalmente in scene che non sono concepite per strappare risate.

La malinconica sequenza in cui Emily/Schumer è sedotta da un bellimbusto locale – la ragazza sembra capire l’inganno, in fondo, ma preferisce fingere in ogni modo di vivere un sogno – e soprattutto l’album di famiglia costellato di istantanee di una giovane Goldie Hawn, il cui ritorno sulle scene da protagonista dopo 15 anni sembra costituire il primum movens dell’intera operazione diretta da Jonathan Levine.

Gli sprazzi di nostalgia e di quel che resta di affetto e umanità nell’era del vanesio rappresentano gli elementi che spingono a essere accondiscendenti con Fottute!.

Insieme a qualche personaggio minore riuscito, come il fratello nerd che conosce tutto Il trono di spade e la lingua dei Klingon.

Ma è davvero troppo poco per salvare un lavoro disastroso da un punto di vista narrativo: pretesti posticci, distribuzione diseguale dei vari segmenti e assoluta mancanza di interesse per un plot spinto faticosamente a destinazione.

Con l’aggravante a livello di regia di ralenti o montaggi ovvi, inserti dissonanti che stupiscono, alla luce delle prove precedenti di Levi.

L’unico dato certo è che gli uomini nel loro complesso escono piuttosto malconci dalla cura Schumer-Levine, ma la denuncia della limitata visione del mondo al maschile diverte, sin dal discorso con cui il motociclista rocker molla Emily.

Tante le occasioni mancate di essere un film migliore: qualche battuta valida rimane e il livello di turpiloquio è inferiore alle attese, ma difficilmente di Fottute! rimarrà qualcosa dopo la visione.

Buona visione.

Amy Schumer e Goldie Hawn in Fottute! (2017).

LA CURIOSITÀ:

Lo studio non voleva Goldie Hawn nel film, tuttavia la co-protagonista Amy Schumer ha minacciato di abbandonare il progetto nel caso in cui Hawn non fosse entrata nel cast.

LA FRASE:

Emily, non posso venire in Sud America. La mia band sta avendo parecchio successo e là dove sono diretto io troverò tantissima… – Ispirazione!

IL CAST e IL REGISTA:

  • Jonathan Levine: Regia
  • Amy Schumer: Emily Middleton
  • Goldie Hawn: Linda Middleton
  • Joan Cusack: Barb
  • Ike Barinholtz: Jeffrey Middleton
  • Wanda Sykes: Ruth
  • Christopher Meloni: Roger Simmons
  • Óscar Jaenada: Morgado

 

No votes yet.
Please wait...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *